Lezioni da Angry Birds

La storia di Rovio, la società che ha creato Angry Birds, è impressionante, (qui su Wired.co.uk).

Contiene almeno una forte lezione per le start up tecnologiche: Angry Birds era il 52esimo gioco di Rovio.

Prima di Angry Birds Rovio ha avuto alti e bassi, senza nessun grande successo. Rovio è partita con l’investimento di 1 M$ nel 2003, e ha sopratutto sviluppato giochi per società più grandi, dotate di un proprio canale di distribuzione. È passata da 2 a 50 e poi a 12 dipendenti. Quasi in fallimento, nel 2009, hanno avuto il loro primo grande successo sull’Appstore con Angry Birds.

Da allora, hanno lavorato senza sosta per sfruttare quel successo mediante molteplici canali di vendita.

Adesso, il fatturato di Rovio è stimato intorno a 50 M$, 20 M$ dalle vendite e accordi di licenza non direttamente legati ai videogiochi, e 30 M$ dai videogiochi, di cui circa metà dalla piattaforma iOS e metà dalla piattaforma Android. Hanno ricevuto un finanziamento serie A di 42 M$ nel 2011, e rifiutato una offerta di acquisizione di 2.25 B$ da Zynga.

È un’altra storia che ricorda che 1. l’idea iniziale ha valore zero, 2. è importante insistere, aggiustare il tiro, diventare più abili, e provare ancora.

– English version here