I have Crichton Amnesia

I just found the name of a sickness I have. I knew I was not the only one, but I now have a confirmation, and I am relieved. Michael Crichton, in a great 2002 speech at the International Leadership Forum, called it “Gell-Mann Amnesia”. It was actually his invention, and name of a Nobel prize only served to confer imore authority to the malaise. To me is therefore Crichton Amnesia.

So, I suffer from Crichton Amnesia. These are the symptoms, in four steps.

  1. I read a newspaper article, or listen to some news on the radio or tv on a topic I know in detail (for example, something related to physics, EE, research, academia).
  2. I realize than the author/speaker has no understanding of what he/she is describing and of what really happened. He/she does not put any effort, and swaps cause and effect.
  3. I decide that journalists are totally unreliable, and that one should never believe what they say.
  4. A few seconds later, I forget my resolution, and I start reading or listening very carefully the next piece, on a topic I have no direct knowledge of, such as Middle East, the financial crisis, China, the prison system, and millions of other things. Indeed, it is amnesia.

I tried to cure myself in 2012, following as little news as possible. Going to the original sources, when the news was really important and time allowed.

But my complete recovery is still far away, and the cure will take a lot of time and effort.

Il fattore di moltiplicazione

Acumen Fund propone da più di 10 anni un modello di organizzazione filantropica organizzata come un fondo di investimento. Non fa donazioni, ma investe capitale paziente in iniziative imprenditoriali che abbiano un ritorno finanziario e sociale. Il ritorno finanziario è importante perché consente che l’iniziativa si autosostenga anche dopo l’intervento filantropico. Acumen reinveste tutto il ritorno finanziario in altre iniziative, moltiplicando l’effetto delle donazioni iniziali.

È il fattore di moltiplicazione che mi piace. Perché quasi sempre la produttività del lavoro e delle risorse nelle iniziative filantropiche è troppo bassa.

Le sedi di Acumen sono quasi solo in Nord America e Asia. In Europa solo Londra e Oslo. Stay tuned…

L’Amnesia di Crichton

Ho appena trovato il nome di una malattia da cui sono affetto. Ero convinto di non essere il solo, ma ora ho la conferma e sono più confortato. Michael Crichton, in un bel discorso del 2002 all’International Leadership Forum la chiamava “Amnesia di Gell-Mann”. In realtà era una sua invenzione, e le dava il nome di un Nobel solo per conferirle più autorevolezza. Quindi per me è l’amnesia di Crichton.

Dunque io soffro dell’amnesia di Crichton. I sintomi sono questi, in quattro passi:

  1. Leggo un articolo di giornale, o ascolto un servizio in radio o tv su un argomento di cui conosco bene i dettagli (per esempio alcuni temi di fisica, tecnologie dell’informazione, ricerca scientifica, università).
  2. Mi accorgo che chi scrive non ha capito quasi niente di quello che descrive e di quello che è successo, che non sa interpretare e confrontare i dati, confonde causa ed effetto, e non fa il minimo sforzo.
  3. Decido che i giornalisti sono completamente inaffidabili, e che non bisogna credere a niente di quello che dicono.
  4. Un attimo dopo, mi dimentico del giudizio appena dato, e leggo o ascolto molto attentamente il pezzo successivo su un argomento di cui non ho conoscenza di prima mano, come il Medio Oriente, la crisi finanziaria, la Cina, la situazione nelle carceri, e milioni di altri. Appunto, è amnesia.

Ho provato a guarire nel 2012 seguendo pochissimo i tg, la radio, e leggendo pochissimi giornali e siti notizie. Andando alle fonti originarie, quando la notizia era importante e il tempo lo consentiva.

Ma ancora la guarigione è lontana, la cura sarà lunga e difficile.

I video di TEDxPisa

I video di TEDxPisa sono da circa una settimana pubblicati  sul canale ufficiale TEDx su youtube, insieme ai più di ventimila degli altri TEDx da tutto il mondo.

Abbiamo voluto pubblicarli senza troppo rumore per vedere come si diffondevano con il passa parola, e per molti abbiamo già superato i 100 spettatori! Sono tutti inseriti anche nella pagina principale di www.tedxpisa.com e nella pagina di ogni speaker.

E’ una bella occasione per vedere o rivedere i video più appassionanti della giornata!

Livorno in un’Italia smart.

Nel pomeriggio di Venerdì 19 ottobre, alla Camera di Commercio di Livorno, si parla di Smart cities.  Tutte le città provano a misurarsi con il concetto di smart city. Che vuol dire esattamente? che comporta in pratica? A che serve? C’è molta incertezza sull’argomento, e molta diversità nelle varie interpretazioni. Ne avevo parlato in passato qui

Beh, è il momento di parlarne anche a Livorno. L’associazione IdeaLi e la Camera di Commercio di Livorno colgono l’iniziativa mettendo in campo un tris eccezionale di relatori per la visione generale:

Luigi Nicolais, ora presidente del CNR ed ex ministro per l’innovazione nella PA, Alfonso Fuggetta, AD del CEFRIEL-Polimi e commentatore su lavoce.info, Oscar Cicchetti, Direttore Strategies di Telecom Italia e membro del Consiglio Direttivo di Confindustria Digitale.

Ci sono poi due relatori che portano l’esperienza di Genova (Paolo Pissarello) e di Firenze (Giovanni Menduni). Anch’io dico la mia, giusto un attimo prima dell’aperitivo.

Il programma completo è qui sotto, mentre la locandina è qui. L’ingresso è libero.

—-

Programma Livorno in un’Italia smart

16.00 – REGISTRAZIONE PARTECIPANTI
16.30 – APERTURA LAVORI E PRESENTAZIONE INCONTRO
Roberto Nardi – Presidente Camera di Commercio di Livorno
Gabriele Brugnoni – Associazione ideaLi

16.45 – LA VISIONE GENERALE
Coordina: Roberto Bernabò – Direttore de “Il Tirreno”

Luigi Nicolais – Presidente Consiglio Nazionale delle Ricerche
Smart city: Innovazione al servizio del cittadino

Alfonso Fuggetta – AD CEFRIEL, Politecnico di Milano
L’interoperabilità dei sistemi è la chiave per lo sviluppo delle smartcity

Oscar Cicchetti – Confndustria Digitale
Smart City: un’opportunità per il Sistema Paese

18.15 – ESPERIENZE DI CITTÀ SMART
Paolo Pissarello – Vice Presidente esecutivo di Genova Smart City
Il percorso Genova Smart City

Giovanni Menduni – Dir. Area Innovazione Comune di Firenze
Firenze dati aperti

18.45 – UN CONFRONTO DI IDEE per il TERRITORIO
Intervengono imprese, amministratori, e professionisti.
Coordina: Francesco Gazzetti – Granducato TV

19.30 – CONCLUSIONI
Giuseppe Iannaccone – Prof. Elettronica Uni Pisa – ideaLi
Le infrastrutture digitali e il vento perenne trasformano le città

20.00 – APERITIVO

TEDxPisa 2012 è finito!

Ce l’abbiamo fatta! Ho ancora forte il ricordo dei 10 bellissimi interventi di ieri e l’entusiasmo del pubblico, degli speaker, e di tutto il team che ha costruito la giornata di ieri. Devo anche dire che sono piaciuti molto i due talk da TED che abbiamo proiettato in sala. Due donne molto diverse le cui parole scuotono tutti noi. Eccoli qua sotto.

Sheryl Sandberg, COO di Facebook: Why we have too few women leaders

Sunitha Krishnan, cofounder Prajwala: The fight against sex slavery